Carteggio d annunzio bruers a cura di m menna e r castagnola

Critica letteraria
45748304.jpg
45748304.jpg

Carteggio D'Annunzio-Bruers - A Cura di M. Menna e R. Castagnola

Mirko Menna e Raffaella Castagnola

ISBN 978-88-6344-152-9 18.00

Il carteggio di D’Annunzio con Antonio Bruers, l’amico bibliotecario-archivista del Vittoriale, rappresenta un altro capitolo importante della biografia dannunziana, collocandosi nell’arco temporale che va dal 1921 al 1935, ultimo periodo di vita del Poeta. Al di là dei legami umani che si instaurano tra i due corrispondenti, tema vivo delle lettere è la fruttuosa collaborazione che portò alla nascita e sistemazione della biblioteca dannunziana e del primo nucleo dell’Archivio del Vittoriale degli Italiani; mentre, sullo sfondo, emergono i rapporti ambigui che D’Annunzio manteneva con gli organi ufficiali del Fascismo, come l’Accademia d’Italia, di cui Bruers diventò Vicecancelliere. Bruers però non è solo il fedele esecutore delle volontà del Poeta. Ha tratto dal suo lavoro preziose osservazioni, poi via via raccolte nei saggi memoriali, tracciando così quelle linee di ricerca che sono diventate preziose per la più recente filologia dannunziana. Le continue richieste di favori, prestiti, disbrigo di faccende e commissioni si configurano come un servigio d’amore che Bruers svolge con estremo sacrificio ma volentieri e gratuitamente, pur vedendosi relegato nella posizione di subalternità, visto che con D’Annunzio non si ha mai la sensazione di trattare alla pari, anche nel più semplice scambio di opinioni. Si soggiace alla sua volontà, si obbedisce supinamente, a stento si arriva a un compromesso, si strappa magari una promessa che il più delle volte rimane tradita e delusa: affascinati dalla parola e dal Mito schiacciante, D’Annunzio regge e governa il filo del discorso, ne traccia la linea e ne mantiene la tensione giusta; sa come ricucire gli strappi e come riaccendere negli altri il desiderio di sé. Ancora una volta un carteggio è testimone di questo straordinario gioco di ruolo su carta, su cui si conducono (e si nobilitano) le esistenze di chi ha intrecciato con lui il suo passo.

 

Richiedi Informazioni L'autore

Mirko Menna e Raffaella Castagnola

Mirko Menna è assegnista di ricerca presso l’Università “G. D’Annunzio” di Chieti - Pescara. Dopo aver conseguito il titolo di Dottore di ricerca in “Lingua e Letteratura delle regioni d’Italia”, ha insegnato all’estero Lingua e cultura italiana presso l’Università di Salamanca nel 2005 ed è stato titolare di una borsa di ricerca post-dottorato alla “D’Annunzio”. Ha curato il carteggio "Al Candido fratello - Carteggio D’Annunzio - Annibale Tenneroni" (Lanciano, Carabba, 2007) e sempre per Carabba, nel 2009, ha pubblicato un ampio studio sulle biografie del Vate e sulla nascita del mito D’Annunzio dal titolo "Vite Vissute di Gabriele D’Annunzio". Collaboratore scientifico del “Centro Europeo di studi rossettiani” (Vasto) si è occupato in convegni e saggi di questi anni, in particolar modo, di letteratura italiana dell’Otto e Novecento, trattando autori come Manzoni, Pascoli e Silone.

Raffaella Castagnola è Libera Docente all’Università di Zurigo. Come studiosa si è occupata di autori del Rinascimento (Lorenzo de’ Medici, Bardo Segni, Francesco Guicciardini, Girolamo Savonarola, Giovan Francesco Pico della Mirandola), di autori dell’Ottocento e del Novecento (Giovanni Pascoli, Gabriele d’Annunzio, Enrico Pea, Ignazio Silone, Piero Chiara, Giuseppe Prezzolini), di autori contemporanei (Fleur Jaeggy, Gilberto Isella). Si occupa anche di autori della Svizzera Italiana (www.poesit.net) e codirige la rivista Opera Nuova (www.operanuova.com). A D’Annunzio in particolare ha dedicato diversi studi tra cui Carte private nel laboratorio di Gabriele d’Annunzio (2001, premio saggistica del Centro studi dannunziani). Ha curato le edizioni commentate della "Contemplazione della Morte", del "Forse che sì forse che no", e del carteggio con la Marchesa Casati Stampa (Coré). Con Milva Maria Cappellini ha pubblicato il "Carteggio con Benigno Palmerio: 1896-1936" (2003).