D annunzio vita e letteratura gianni oliva

Critica letteraria
45978204.jpg
45978204.jpg

D'Annunzio. Vita E Letteratura - Gianni Oliva

Gianni Oliva

ISBN 978-88-95078-80-9 35.00

Prestigiosa Edizione - Volume cartonato di 270 pagine con oltre 100 immagini ed elegante sovracoperta.
A cura di Gianni Oliva, con saggi di Mirko Menna, Mario Cimini e Andrea Lombardinilo.

La vita di D'Annunzio e la sua carriera letteraria ricostruite attraverso documenti, testimonianze e immagini. Nella ricorrenza dei 70 anni dalla morte di Gabriele D'Annunzio la casa editrice Carabba ha inteso ricordarne la figura e l'opera con un volume che ne ripercorra i momenti salienti non in modo tradizionale, ma facendo parlare i testi e le immagini. L'opera, divisa in cinque macro-sezioni, ripercorre in lungo e in largo la cosiddetta vita inimitabile del Vate affidandosi a documenti e a testimonianze d'epoca, opportunamente montate con un ricco corredo iconografico. Ne risulta un quadro composito e accattivante che mette l'accento non tanto sulla gestualità dannunziana (criticamente ridimensionata), quanto sull'importanza di considerare il valore della creatività di D'Annunzio nell'ambito delle letteratura italiana ed europea.

Richiedi Informazioni L'autore

Gianni Oliva

GIANNI OLIVA, dopo aver insegnato nelle Università di Perugia e di Roma «La Sapienza», è dal 1987 professore ordinario di Letteratura italiana nell’Università “Gabriele D’Annunzio” di Chieti-Pescara. Già Direttore di Dipartimento e Coordinatore Generale del Dottorato di Studi umanistici (PhD, School of advanced Studies), ha tenuto corsi e seminari in diverse Università americane ed europee. Ha fondato e dirige il Centro Europeo di Studi Rossettiani ed è nel comitato scientifico del Centro Nazionale di Studi Dannunziani. Nel 1997 ha dato vita alla rivista «Studi Medievali e Moderni», di cui è direttore. Critico e filologo, i suoi interessi di ricerca riguardano quasi tutto l’arco della letteratura italiana, con speciale attenzione per le culture regionali, per l’area medievale (Dante, Buccio di Ranallo, Simone Prudenzani) e per l’età post-unitaria (Verga, Capuana, di cui ha curato commenti e edizioni critiche). A D’Annunzio e all’estetismo di fine secolo italiano ed europeo ha dedicato molte energie e studi ritenuti fondamentali.