Un oscuro presagio di sangue su franco matacotta luigi martellini

Critica letteraria
45808253.jpg
45808253.jpg

Un Oscuro Presagio Di Sangue. Su Franco Matacotta - Luigi Martellini

Luigi Martellini

ISBN 88-95078-26-8 20

ISBN: 88-95078-26-8

Franco Matacotta fu l’ultimo grande “amore insolito” (ed “ultimo enorme errore”) di Sibilla Aleramo (lei sessantenne e lui ventenne). Dal classicismo delle prime poesie al realismo epico-rivoluzionario di "Fisarmonica rossa", dalla simbologia mitico-psicanalitica del romanzo "La lepre bianca" al populismo e pauperismo tipici del secondo dopoguerra, lo scrittore marchigiano si è mosso col suo canto nostalgico tra fede marxista e speranza cristiana, memoria e realtà, tra dogmatismo ideologico e controrivoluzione. Segnato dall’angoscia, dalla disperazione, dal dolore, quasi condannato da una maledizione antica (quell’oscuro presagio di sangue), Matacotta con passione e ragione ha inseguito per tutta la vita - tra fughe e ritorni, domestici Lari e dolci luoghi natìi - un sogno di purezza e di libertà, crollando poi sotto il peso delle delusioni politiche e schiacciato dai lutti familiari. La sua fragile e tragica esistenza vissuta tra smarrimenti e crisi, paure ancestrali e ribellioni, lotta contro il destino e misteriosi segnali nefasti di follia e di morte, viene qui analizzata attraverso la sua travagliata opera, come poetica espressione di sentimento e di commozione umani.

Luigi Martellini, critico letterario e poeta, vive nelle Marche (Fermo). È stato docente all’Università di Urbino ed ora è professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università della Tuscia (Viterbo). Si è occupato di D’Annunzio (Ateneo 1975, poi Carabba 2005 in edizione aggiornata), Malaparte (Mursia 1977), Matacotta (La Nuova Italia 1981, qui riscritto e riproposto), della Poesia delle Marche (Forum 1982), a più riprese di Pasolini (Cappelli 1979, Le Monnier 19842, Laterza 19932). Ha pubblicato un commento alla Coscienza di Zeno (Lucarini 1991) e, per Mondadori, Leonardo e le Edizioni Scientifiche Italiane, varie opere edite ed inedite (Il Cristo proibito e Lotta con l’angelo) di Malaparte, di cui ha curato anche le Opere scelte per “I Meridiani” (20032). Altri studi (su Petrarca, Monti, Leopardi, Svevo, Corazzini, Ungaretti, Pavese, Calvino, Primo Levi, Tecchi...) sono raccolti in volumi collettivi e in Modelli, strutture, simboli (Bulzoni 1986), in Nel labirinto delle scritture (Salerno 1996) e in Novecento segreto (Studium 2001). Recenti il saggio Comete di ghiaccio su Malaparte (2003) e la miscellanea Il sogno, la scrittura su Cardarelli (2003) per le Edizioni Scientifiche Italiane e l’incompiuto romanzo Il re dei Giapponesi di Pasolini (Via del Vento 2003). Per ultimo il Ritratto di Pasolini (Laterza 2006). Collabora a riviste letterarie e alla terza pagina de “L’Osservatore Romano”.

Richiedi Informazioni L'autore

Luigi Martellini

Luigi Martellini , critico letterario e poeta, vive nelle Marche (Fermo). Già docente all'Ateneo di Urbino, è professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all'Università della Tuscia (Viterbo). Ha scritto su D'Annunzio (Ateneo 1975) poi aggiornato (Carabba 2005 col titolo Il mare, il mito), su Malaparte (Mursia 1977), su Matacotta (La Nuova Italia 1981) poi ampliato (Carabba 2007 col titolo Un oscuro presagio di sangue), sulla Poesia delle Marche (Forum 1982) e più volte su Pasolini (Cappelli 1979, Le Monnier 19842, Laterza 19932). Ha curato per Mondadori, Leonardo e le Edizioni Scientifiche Italiane, opere edite e inedite (tradotte anche in portoghese e tedesco) di Malaparte, fra cui le Opere scelte per "I Meridiani" (2002). Altri studi (Petrarca, Monti, Leopardi, Ungaretti, Pavese, Calvino, Primo Levi...) sono raccolti in "Modelli, strutture, simboli" (Bulzoni 1986), in "Nel labirinto delle scritture" (Salerno 1996) e in "Novecento segreto" (Studium 2001). Libri recenti: "Comete di ghiaccio" su Malaparte e Il sogno, la scrittura su Cardarelli per le Edizioni Scientifiche Italiane (2003); "Il re dei Giapponesi di Pasolini (2003) e le Prose di Delfini (2007) per Via del Vento; il Ritratto di Pasolini (Laterza 2006, tradotto in spagnolo dall'Università di València nel 2010); un commento a La coscienza di Zeno di Svevo per Carocci (2010) e inoltre Terre lontane (i Diari di viaggio inediti di Silvio Zavatti) e Identità di una terra antica su Tecchi per Sette Città (2010). Accanto alla produzione scientifica, Martellini ha un'attività letteraria creativa come poeta, sulla quale hanno scritto importanti studiosi, e ha dato alle stampe: Quasar (1977 introdotta da Mario Petrucciani), Infiniti sassi (1977 presentata da Giorgio Caproni), Mistificato enigma (1982 con lettera di Mario Luzi), Poseidonis (1986 con nota critica di Emerico Giachery), Eìdola (1987 con prefazione di Carlo Bo), Journal 1998 (2008, con saggio dell'autore) e, in questa collana, La fiaba impossibile (2008, con uno scritto di Giorgio Patrizi e postilla di Mario Luzi). Sue poesie sono inserite in antologie e tradotte: in particolare l'edizione in inglese dei Selected Poems (1964-1987) pubblicata a New York (2006, con introduzione di Vincenzo De Caprio).