William michael rossetti ricordi a cura di gianni oliva

Critica letteraria
45748016.jpg
45748016.jpg

William Michael Rossetti - Ricordi - A Cura di Gianni Oliva

William Michael Rossetti

ISBN 88-95078-02-0 22

ISBN: 88-95078-02-0

I Ricordi di William Michael Rossetti, prima traduzione italiana di un eccezionale libro di memorie (Some reminiscences) apparso a Londra in due volumi nel 1906, raccontano la vera storia dell’affascinante famiglia originata dal patriota ed esule italiano Gabriele (1783-1854). Lontano dal furore creativo del più illustre fratello Dante Gabriel, poeta e pittore fondatore della Confraternita Preraffaellita, nonché dalla sensibilità contorta di Christina, una delle maggiori voci poetiche dell’Ottocento europeo, il terzogenito dei Rossetti condusse una vita appartata e riflessiva, ma non per questo meno importante come guida spirituale di un clan unito dagli stessi pensieri, sentimenti e abitudini intellettuali. William, rivendicando il ruolo di testimone privilegiato di vicende culturali dalla portata internazionale, scelse per sé di dedicarsi ad una sorta di “monumentalizzazione” dei componenti il nucleo familiare e dei personaggi che con essa entrarono in contatto, da Ford Madox Brown, ad Elisabeth Siddal, a William Morris, a Swinburne, ai Browning , a Tennyson, a Shelley, a molti altri. La premura del memorialista, sorretta da una concretezza analitica in grado di fissare con precisione le date di un evento, è animata da una vis malinconica sempre stretta, fin dalle dediche d’apertura, attorno all’indissolubile ceppo, che è forse connotazione mediterranea più che anglosassone: la famiglia come punto di forza, finestra sul mondo, anzi è essa stessa il mondo, forgiando l’identità dell’uomo e la sua orgogliosa appartenenza ad una stirpe. La straordinaria capacità rievocativa di William, inoltre, fa della sua scrittura un documento di preziosa informazione non solo sul versante privato, ma anche per la ricostruzione dello sfondo sociale e culturale dell’intera età vittoriana.

Gianni Oliva è professore ordinario di Letteratura italiana e direttore del Centro Asam (Archivio Scrittori abruzzesi e meridionali) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Chieti; ha insegnato nelle Università di Perugia e di Roma “La Sapienza” ed ha tenuto corsi e seminari in università americane ed europee. Specialista dell’Ottocento italiano (Verga, D’Annunzio, Capuana e la narrativa del realismo, l’estetismo di fine secolo), ha dedicato alcuni studi alla famiglia Rossetti, tra cui i volumi I Rossetti tra Italia e Inghilterra (1984), Scrittori italiani in Inghilterra (2003) e La vita mia-Il testamento di Gabriele Rossetti (2004).

 

Richiedi Informazioni L'autore

Gianni Oliva

GIANNI OLIVA, dopo aver insegnato nelle Università di Perugia e di Roma «La Sapienza», è dal 1987 professore ordinario di Letteratura italiana nell’Università “Gabriele D’Annunzio” di Chieti-Pescara. Già Direttore di Dipartimento e Coordinatore Generale del Dottorato di Studi umanistici (PhD, School of advanced Studies), ha tenuto corsi e seminari in diverse Università americane ed europee. Ha fondato e dirige il Centro Europeo di Studi Rossettiani ed è nel comitato scientifico del Centro Nazionale di Studi Dannunziani. Nel 1997 ha dato vita alla rivista «Studi Medievali e Moderni», di cui è direttore. Critico e filologo, i suoi interessi di ricerca riguardano quasi tutto l’arco della letteratura italiana, con speciale attenzione per le culture regionali, per l’area medievale (Dante, Buccio di Ranallo, Simone Prudenzani) e per l’età post-unitaria (Verga, Capuana, di cui ha curato commenti e edizioni critiche). A D’Annunzio e all’estetismo di fine secolo italiano ed europeo ha dedicato molte energie e studi ritenuti fondamentali.