Nascita dello stato imprenditore ernesto cianci

45748426.jpg
45748426.jpg

Nascita Dello Stato Imprenditore - Ernesto Cianci

Ernesto Cianci

ISBN 978-88-6344-065-2 28.00

Nascita dello Stato imprenditore in Italia venne pubblicato nel 1977. Fino a quel momento il tema dei salvataggi bancari e dell'intervento pubblico negli anni Venti e Trenta aveva costituito soltanto marginalmente un oggetto di studio per gli storici e per gli storici economici. Il libro di Ernesto Cianci costituisce dunque la prima analisi ad ampio raggio dei salvataggi bancari e della nascita dell'IRI;un'analisi capace di offrire un esame dettagliato di quelle vicende e, al tempo stesso, di individuare i precedenti, le analogie e i molteplici legami. Per la prima volta alcuni passaggi decisivi della politica economica italiana degli anni Venti e Trenta venivano ricostruiti ed esaminati alla luce di una ricca e poco conosciuta documentazione d'archivio (i fondi dell'Archivio centrale dello Stato, della Banca d'Italia e della Confindustria e le carte di Paolo Thaon di revel, presso la Fondazione Einaudi di Torino), integrata da un abbondante apparato di fonti giornalistiche e della più significativa pubblicistica coeva.

Ernesto Cianci (Vasto 1908 - Roma 1992) ricoprì per un breve periodo, nei secondi anni Trenta, la libera docenza in Politica economica ma fu soprattutto un funzionario del Ministero delle Corporazioni e poi, dopo la caduta del fascismo, manager di imprese industriali pubbliche e private, in larga parte proprio nell'ambito dell'IRI. Partecipò anche alle delegazioni presso organismi internazionali quali l'Oece e la Ceca e per diversi anni ricoprì ruoli rilevanti nella Confindustria.

Richiedi Informazioni L'autore

Ernesto Cianci

Ernesto Cianci  (Vasto 1908 - Roma 1992) ricoprì per un breve periodo, nei secondi anni Trenta, la libera docenza in Politica economica ma fu soprattutto un funzionario del Ministero delle Corporazioni e poi, dopo la caduta del fascismo, manager di imprese industriali pubbliche e private, in larga parte proprio nell'ambito dell'IRI. Partecipò anche alle delegazioni presso organismi internazionali quali l'Oece e la Ceca e per diversi anni ricoprì ruoli rilevanti nella Confindustria.