Lia giancristofaro il segno dei vinti antropologia e letteratura in verga

Letteratura italiana
45731981.jpg
45731981.jpg

Lia Giancristofaro - Il Segno Dei Vinti - Antropologia e letteratura in Verga

Lia Giancristofaro

ISBN 88-88340-70-X 20.00

 Più di uno studioso si è perso nel tentativo di spiegare criticamente il fondamento biologico del nichilismo di Giovanbni Verga, uno dei massimi autori della letteratura italiana, collocabile temporalmente nel positivismo, ma, ancora attuale, come dimostra la vitalità di personaggi come Malpelo o la Lupa nell'immaginario collettivo. Il volume inquadra i testi verghiani nel tessuto scientifico, restituendo la complessità di un'opera interpretante la natura e la cultura quali esse sono, cioè espressione unica dell'universo simbolico che vive dentro l'uomo.

Richiedi Informazioni L'autore

Lia Giancristofaro

LIA GIANCRISTOFARO è professore associato in Materie Demo-Etno-Antropologiche presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Dal 2000 dirige la Rivista Abruzzese, rassegna fondata nel 1948. Si occupa di patrimonio culturale immateriale, mediazione culturale, diritti umani e folklore. In qualità di membro della Società Italiana per la Museografia e i Beni Demo-Etno-Antropologici, organizzazione non governativa accreditata dall’UNESCO, ha osservato alcune sessioni dell’Assemblea degli Stati Parte della Convenzione Internazionale per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale. Tra i suoi volumi, "Il segno dei vinti, antropologia e letteratura nell’opera di Giovanni Verga", Carabba (2005); "Abruzzo regione del mondo, letture interdisciplinari dell’emigrazione abruzzese", con Eide Spedicato Iengo, FrancoAngeli (2010); "Tomato day, il rituale della conserva di pomodoro", FrancoAngeli (2013).