Rapsodia abruzzese ettore janni

Letteratura italiana
45760266.jpg
45760266.jpg

Rapsodia Abruzzese - Ettore Janni

Ettore Janni

ISBN 978-88-6344-062-1 13.50

Ettore Janni nacque a Vasto l'11 ottobre 1975 e morì a Milano il 22 febbraio 1956. «Ognuno ha la terra che ama» -scrive con orgoglio Ettore Janni - e perciò quella merita la sua rapsodia, il suo canto spiegato, epico e celebrativo. Il suo viaggio di ritorno da Milano in Abruzzo alla metà degli anni Trenta, rievocato in questo libro, intende fissare sulla carta gli stati d’animo dopo una lunga assenza dalle radici e dal luogo dell’identità. Ciò che sorprende nella sua confessione è l’ entusiasmo e il senso positivo delle cose. Per Janni l’Abruzzo è il locus amoenus , il ritorno all’ordine, alle suggestioni primitive di contro alle brutture del progresso. Il vecchio tema città/campagna è riproposto a tutto vantaggio del secondo termine, anche se ciò comporta la rassegnata disperazione del vivere povero, accanto all’elogio della famiglia patriarcale, al ricordo nostalgico delle feste, degli usi e dei costumi arcaici. Il tempo da lodare è quello enorme, biblico, imperturbabile, agricolo e pre-industriale di un Abruzzo antico «che tiene ancora i suoi secoli al sole» e su cui magari aleggia lo spirito di Aligi il pastore e la benedizione della Maiella santa. Non c’è viaggio che non presupponga, di fatto, nelle intenzioni o solo nella memoria, un ritorno, dunque un andamento circolare, da Itaca a Itaca. Il viaggio è conoscere, ma molto spesso è riconoscere. Il che trasforma il percorso non in curiosità per una terra nuova e sconosciuta, né in un itinerario turistico, ma in una riscoperta di qualcosa che è dentro di noi, in una regressione nel grembo materno, in una ricerca dell’Eden perduto o, se si vuole, della giovinezza.

Richiedi Informazioni L'autore

Ettore Janni