Lunario di molte vite paolo manetti

45760026.jpg
45760026.jpg

Lunario Di Molte Vite - Paolo Manetti

Paolo Manetti

ISBN 88-88340-93-9 12.50

Un’immagine suggestiva a suo modo esotica presiede a questo nuovo libro di Paolo Manetti; ed è quella di Armand-Jean de Bouthillier de Rancè, il nobile che alla fine del secolo XVII riformò l’ordine monastico dei trappisti, opponendo al chiacchiericcio mondano il più austero dei silenzi. La poesia di Manetti mette in scena da sempre il dramma dell’oscillazione: un turbinare e giustapporsi di opposte mozioni rese ancora più aspre all’orizzonte vuoto in cui si muovono. L’assoluta mancanza di qualsivoglia istanza metafisica, conferisce una luce tagliente alla divaricazione tra illusione e necessità inarginabile della materia. La poesia è vuoto d’esistenza; la sua sostanza è quella dei “sogni che sono una cavità senza orizzonte”. Come in una sorta di almanacco che mette insieme dati astronomici, il variare delle stagioni, memorie collettive, credenze e leggende popolari, il libro di Manetti costringe il lettore a immergersi nell’intricato labirinto della condizione contemporanea.

Richiedi Informazioni L'autore

Paolo Manetti

Paolo Manetti è nato e vive a Firenze. Ha pubblicato: "La Spola Umana", Pisa, Biblioteca dell'Ussaro, 1973; "Vitam Impendere Amori di Guillarme Apollinaire", Pisa, Biblioteca dell'Ussaro, 1974; "Sul Metodo della Metamorfosi", Firenze, Vallecchi, 1975 (Premio Il Ceppo Proposte); "Il Pomeriggio d'un Fauno di Stephane Mallarmè", Torino, Einaudi, 1976; "Storia di Oleron", Firenze, Vallecchi, 1978;" Il Matrimonio del Cielo e dell'Inferno di William Blake", Firenze, Vallecchi, 1979; "Disegni o della Ragione Minima", Firenze, Vallecchi, 1980;" Mallarmè in Italia ed altri scritti", Firenze, Vallecchi, 1983 (Premio Internazionale Taormina per la Critica); "Teoria della Materia", Firenze, Vallecchi, 1984 (Premio Casentino 1979 per l'Inedito); "I Luoghi della Parola. Scritti Sulla Ragione Poetica", Firenze, Vallecchi, 1986; "Lettera Efesia", Firenze, Passigli, 1994 (Premio di Poesia Contini Bonacossi); "Autunno del Minotauro", Firenze, Passigli, 2003; "Lunario di Molte Vite", Lanciano, Rocco Carabba, 2005; "I Taccuini di Ulisse", Vasto, Caravaggio Editore, 2009; "Canto a Due Voci", Milano, Roberto Dossi, 2010; "L'Altra Parte di Noi", Firenze, Polistampa, 2011; "Non altro silenzio che un pensiero", Lanciano, Carabba, 2013.