Pensare giustizia tra antico e contemporaneo

Ultimi Arrivi
Pensare Giustizia tra antico e contemporaneo - Bultrighini Umberto - Elisabetta Dimauro
Pensare Giustizia tra antico e contemporaneo - Bultrighini Umberto - Elisabetta Dimauro

Pensare Giustizia tra antico e contemporaneo

a cura di Umberto Bultrighini e Elisabetta DiMauro

ISBN 9788-88-6344-552-7 35

a cura di Umberto Bultrighini e Elisabetta DiMauro

Pensare giustizia: la tematica proposta in questo volume miscellaneo, che raccoglie in parte i contributi di studiosi che hanno dato vita all'omonimo Convegno Internazionale di Studi (Università "G. d'Annuzio" di Chieti-Pescara, maggio 2018), è stata  concepita con sede di confronto, con chiara finalità interdisciplinare, tra opinioni di specialisti di ambiti diversi accumunati da un obbiettivo di partenza: scandagliare, a partire dalle origini della cultura e della civiltà occidentale, le manifestazioni di un immaginario della giustizia che appare sin dai primordi orientato a stabilirne e veicolarne una definizione. Si tratta di una definizione che, riguardando una componente ineliminabile di qualsiasi forma di vita associata, si fonda sull'interazione con due grandi categorie concettuali: una per così dire l"alta", l'etica, nel caso specifico l'etica della verità (un'esigenza primaria che la giustizia condivide con la storia, e la storiografia); e l'altra, frutto di una necessità storica, ineluttabile e in qualche modo ingombrante, la politica.

Richiedi Informazioni L'autore

Umberto Bultrighini - Elisabetta Dimauro

Umberto Bultrighini , ordinario di Storia greca all’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, ha al suo attivo pubblicazioni in vari campi di ricerca, tra cui i principali: il pensiero politico greco nel volume «Maledetta democrazia». Studi su Crizia (Alessandria 1999), nel volume da lui curato Democrazia e antidemocrazia nel mondo greco (Alessandria 2005) e in numerosi contributi sul pensiero platonico; l’economia greca (Elementi di dinamismo nell’economia greca tra VI e IV secolo. L’eccezione e la regola, Alessandria 1999); l’opera di Pausania, nel volume Pausania e le tradizioni democratiche. Argo ed Elide (Padova 1990) e nell’edizione e commento del X libro della Periegesi, Delfi e la Focide, in collaborazione con Mario Torelli (in c.d.s. per la ‘Fondazione Lorenzo Valla’).

Elisabetta Dimauro, ricercatrice di Storia greca all’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, si è occupata di storia politica spartana (Re contro. La rivalità
dinastica a Sparta fino al regno di Agide II, Alessandria 2007), e, in vari articoli, di storiografia greca e di nodi storici problematici (in particolare nel lungo saggio sulla guerra d’Elide, in «RFIC» 135, 2007, e nel contributo su Timea nel volume "Donne che contano nella storia greca", Lanciano 2014, che ha curato insieme a U. Bultrighini), di pensiero politico greco (in «RCCM» 54, 2012, e nel contributo isocrateo sul volume, da lei curato insieme a U. Bultrighini, "Omaggio a Domenico Musti", Lanciano, Carabba2013), di problemi pausaniani (in particolare, sul metodo di informazione di Pausania, nel volume in c.d.s. "Pausania on the road", e, a proposito dell’attacco celtico a Delfi , in «RCCM» 56, 2014).