Mi chiamo saverio sala

Universale Carabba

Mi chiamo Saverio Sala

ISBN 978-88-6344-432-2 14

Questa autobiografia di Saverio Sala è il racconto di una vita che attraversa l’ascesa del fascismo, la guerra, la Resistenza, la ricostruzione, il boom e le sue contraddizioni, la contestazione operaia e giovanile, la crisi economica, l’avvento della tv, l’ascesa della democrazia e la sua crisi: insomma tutti i nodi del “secolo breve”.
Attraversa, infatti, quasi l’intera storia del Novecento con le sue catastrofi e le sue grandi speranze, ma inquadrandola dal basso di una cittadina di provincia – anche se ciò non vuol dire che la racconta da una prospettiva minore, ma solo più ristretta, facendola, così, più intellegibile e rappresentativa.
Una prima conseguenza è che, per tale strada, da queste pagine balza vivido anche il ritratto di una intera città – Lanciano – nel percorso della sua faticosa crescita tra due diversi dopoguerra.
Ma, più di ogni altra cosa, questo non smette mai di essere un libro di memorie individuali, e in ciò si configura come il romanzo di un uomo pacato, del suo viaggio nel mistero del vivere, che emerge di sbieco da queste pagine, si direbbe quasi a dispetto delle intenzioni esplicite del suo autore.

Richiedi Informazioni L'autore

Saverio Sala

Saverio Sala (Salerno, 15 luglio 1924 – Lanciano, 21 luglio 2015) è stato insegnante, direttore didattico ma soprattutto, dal 1956, giornalista. Ha scritto per il «Corriere dello Sport», l’Agenzia ANSA, il «Corriere italo-canadese» e in particolare per «Il Tempo», di cui è stato il corrispondente per la sede di Lanciano fino al 1996. Dal 1990 al 1994 ha lavorato anche nel mondo dell’informazione televisiva, dirigendo il TG dell’emittente Telemax e per un breve periodo anche assumendo la direzione di Telenovanta.